Musicoterapia e Disability Studies, prospettive di ricerca

La musicoterapia può basarsi sui Disability Studies

Gli approcci di musicoterapia moderni possono basarsi sulla teoria dei Disability Studies per muoversi in una prospettiva inclusiva, umanistica, centrata sulla cultura e orientata sulle risorse piuttosto che sui difetti, con l’opportunità di ridiscutere i ruoli del potere anche nella relazione terapeutica.

La definizione di ‘health musicking’ fornita da Stige e Aarø (2012) sembra essere l’ultima pietra miliare negli sforzi degli studiosi e degli operatori per avvicinarsi al modello sociale. L’approccio definito PREPARE  (Participatory, Resource-oriented, Ecological, Performative, Activist, Reflective, and Ethics-driven) riflette l’intenzione di cercare un’alternativa al modello medico e fornire una nuova linea di ricerca che è certamente più sostenibile, soprattutto per le persone con una condizione autistica.

Gli approcci di musicoterapia moderni possono basarsi sulla teoria dei Disability Studies, nella ricerca così come nella pratica. La domanda che muove la nostra azione dovrebbe essere: chi beneficia della pratica? Chi è il soggetto della ricerca? Gradualmente l’attenzione si è spostata da una terapia nel contesto a una terapia per il contesto, e ultimamente, a una terapia con il contesto. In questa visione, forse, possiamo rendere i nostri atti rilevanti per migliorare le circostanze materiali e la qualità della vita anche delle persone con disabilità.

Note:

Stige, B. & Aarø L.E. (2012). Invitation to Community Music Therapy. New York, Routledge.

Proceedings of Second International Conference of the Journal Scuola Democratica VOLUME II Learning with New Technologies, Equality and Inclusion, Matteo Maienza, pp. 607-616

Che cos’è l’inclusione? Convegno all’Università degli Studi di Firenze

Che cos’è l’inclusione? Il 13 novembre dalle ore 9.30 alle ore 18.00 si terrà online il primo Convegno nazionale organizzato dal Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze.

Introduce e coordina il Prof. Giuliano Franceschini, professore di didattica e pedagogia speciale e direttore del Corso di Specializzazione per il sostegno didattico agli alunni con disabilità. Il Convegno è indirizzato a studenti, dirigenti e insegnanti delle scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado.

Tra i relatori, per la scuola secondaria di primo grado segnaliamo il Dott. Gerardo Manarolo, con un intervento su “Musicoterapia e autismo: riflessioni per una possibile specificità” e Ferruccio Demaestri, musicoterapeuta, formatore e supervisore, membro del direttivo CONFIAM con un intervento sulle “Competenze musicali  nel processo di inclusione: interazione dinamica di identità sonore tra alunni e docenti”.

La partecipazione è libera, previa iscrizione entro il 10 novembre 2021 al seguente link: https://forms.gle/EMatByHFdNRqW6m89

Musicoterapia e Disability Studies

Disability Studies e Musicoterapia

I Disability Studies in musicoterapia rivolgono una critica severa all’impostazione clinica tradizionale, in cui la musica viene proposta come una sorta di “rimedio” normalizzazione o cura.

Il ruolo delle scienze mediche è stato centrale nella produzione della disabilità come categoria, prima da isolare, in quanto improduttiva, poi da curare, innescando quella che è stata definita come una vera e propria impresa della normalizzazione.

La musicoterapia nasce proprio in questo contesto, insieme ad altre professioni  sanitarie. I Disability Studies rivendicano un ruolo attivo nella gestione e organizzazione della vita e della cura delle persone  con disabilità.

Secondo questo approccio, la musicoterapia dovrebbe distaccarsi dal modello medico tradizionale in cui si propone la musica come una sorta di normalizzazione, rimedio o cura. Ognuno dovrebbe avere accesso alla musica, a prescindere dalla propria condizione clinica e/o sociale, e la musicoterapia dovrebbe idealmente mirare a provvedere questo accesso.

Il musicoterapeuta, in ultima analisi, dovrebbe imporre a se stesso di adottare un approccio basato sulla cultura e sul piacere generato dal “fare musica insieme” distaccandosi dalla visione clinica tradizionale che tende a produrre scarsi risultati e non misurabili.

Musicoterapista o Musicoterapeuta?

La musicoterapia in ambito sociosanitario

L’approccio comune, di tipo medico-terapeutico, in cui la musica dovrebbe essere utilizzata in ambito sociosanitario per “normalizzare” il comportamento della persona deficitaria e rimediare alle sue mancanze o difetti, non è considerato particolarmente efficace.

Ognuno, disabile o no, dovrebbe avere accesso alla musica — e la musicoterapia mira idealmente a provvedere questo accesso —  per questo il musicoterapista deve imporre a se stesso di distaccarsi dal modello medico che sottovaluta gli aspetti del piacere generato dalla condivisione musicale. Con i bambini autistici, che generalmente rifiutano la maggior parte dei trattamenti terapeutici, verrebbe da pensare, in alcuni casi, che si tratta “cure impossibili”. Secondo alcuni si tratta piuttosto di un tipo di approccio ad essere considerato “indesiderato”, proprio come lo sarebbe una cura per l’omosessualità o l’essere neri, o per qualsiasi altra tipologia biosociale.

Musicoterapista o Musicoterapeuta?

Se ci si vuole imporre come operatori di prestazioni sanitarie, si rischia la possibilità di produrre scarsi risultati non misurabili. Nel caso dell’autismo questa possibilità è garantita in anticipo; ma se gli obiettivi sono migliorare l’espressione del sé, la propria conoscenza e il benessere del fare musica insieme, la musicoterapia può offrire il più grande valore possibile. Questi approcci, spesso di tipo comportamentista, non dovrebbero mirare alla cura o alla riabilitazione del paziente secondo una prospettiva medica, al contrario, non devono mai distaccarsi dalla finalità mutuale del fare musica insieme: la ricerca del piacere personale dovuta alla condivisione relazionale e alla libera espressione di sé. In questo senso, musicoterapeuta e paziente hanno molto da offrirsi a vicenda, come la mutua partecipazione nel fare musica e il piacere di condividere questa esperienza.

A questo proposito, il dibattito linguistico tutto italiano sui termini “musicoterapista”e “musicoterapeuta” risulta non privo di un fondamento epistemologico: con il termine “terapista” infatti si vuole delineare una figura che, non distaccandosi dall’ ambito sanitario (o socio-sanitario), utilizzi il mezzo sonoro/musicale quale veicolo di cura e di terapia per persone in una condizione di svantaggio clinico o sociale.

Le persone autistiche, spesso, hanno interessi musicali e attitudini distintive; invece di normalizzarli al di fuori della loro cornice culturale, con un’imposizione quasi colonialista del potere, potremmo cercare di coltivare la loro cultura indigena in un’atmosfera di rispetto reciproco.

©2019

Leggi tutto “Musicoterapista o Musicoterapeuta?”

Tecniche di Musicoterapia Recettiva

Un metodo di musicoterapia recettiva molto diffuso nel mondo è la Terapia vibroacustica basata su suoni a basse frequenze, le prime esperienze di questo tipo vennero messe in atto nel 1980 dal norvegese Olav Skille (1991) che, utilizzando una comune coppia di altoparlanti e un telo per sdraiarsi, ideò un metodo inizialmente descritto come “tecnica per trasferire le vibrazioni a basse frequenze al corpo umano per via aerea”.

Successivamente ribattezzato massaggio sonoro a basse frequenze (prove- nienti da musica, onda sinusoidale e dalla loro combinazione), l’obiettivo di Olav Skille era trovare un modo in cui le vibrazioni potessero rilassare bambi- ni con gravi disabilità anche passando per una riduzione del tono muscolare. Nel dettaglio la terapia vibroacustica utilizzata a livello clinico si serve di un suono a bassa frequenza tra 20Hz-70Hz. (Bergström- Isacsson, et al., 2007; Hooper, 2002; Skille, 1991; Wigram, 1996; Wigram & Dileo, 1997).

(estratto da Musica e Sindrome di Rett, di Matteo Maienza, Musica&Terapia nr.35 Gennaio 2017) Visualizza

Musicoterapia e Demenza Senile

L’ intervento di musicoterapia cerca di raggiungere l’individuo considerando l’eterogeneità del contesto e mirando sempre a sviluppare le potenzialità residue in una cornice piacevole e rilassante. L’utilizzo degli strumenti musicali, ad esempio, permette di lavorare sul movimento, sulla coordinazione e sulla bilateralità, oltre ad essere un importante stimolo sensoriale permette la costruzione di un ritmo condiviso, un fattore di motivazione personale e di gruppo.  Gli strumenti utilizzati sono percussioni come tamburi, triangoli, cembali, guiros, reco-reco, agogo, classe, marimba, etc.
Leggi tutto “Musicoterapia e Demenza Senile”

Improvvisazione clinica in musicoterapia

Formazione continua in musicoterapia

La differenza tra improvvisazione musicale e improvvisazione clinica potrebbe essere una questione meramente stilistica?

Un importante contributo alla comprensione del concetto di improvvisazione clinica è stato elaborato dalla Prof.ssa Mercedes Pavlicevic ( 1 Maggio 1955 – 4 Giugno 2018).
Un esperimento, condotto con degli ascoltatori non vedenti, ha permesso di cogliere alcune peculiarità stilistiche e le principali differenze tra l’improvvisazione musicale e l’improvvisazione clinica in musicoterapia.

Leggi tutto “Improvvisazione clinica in musicoterapia”