Musicoterapia e Disability Studies

Disability Studies e Musicoterapia

I Disability Studies in musicoterapia rivolgono una critica severa all’impostazione clinica tradizionale, in cui la musica viene proposta come una sorta di “rimedio” normalizzazione o cura.

Il ruolo delle scienze mediche è stato centrale nella produzione della disabilità come categoria, prima da isolare, in quanto improduttiva, poi da curare, innescando quella che è stata definita come una vera e propria impresa della normalizzazione.

La musicoterapia nasce proprio in questo contesto, insieme ad altre professioni  sanitarie. I Disability Studies rivendicano un ruolo attivo nella gestione e organizzazione della vita e della cura delle persone  con disabilità.

Secondo questo approccio, la musicoterapia dovrebbe distaccarsi dal modello medico tradizionale in cui si propone la musica come una sorta di normalizzazione, rimedio o cura. Ognuno dovrebbe avere accesso alla musica, a prescindere dalla propria condizione clinica e/o sociale, e la musicoterapia dovrebbe idealmente mirare a provvedere questo accesso.

Il musicoterapeuta, in ultima analisi, dovrebbe imporre a se stesso di adottare un approccio basato sulla cultura e sul piacere generato dal “fare musica insieme” distaccandosi dalla visione clinica tradizionale che tende a produrre scarsi risultati e non misurabili.