Disability Studies e Musicoterapia

http://www.artforautism.co.uk

I Disability Studies sono una disciplina accademica e di ricerca che si propone di sollecitare il dibattito sul ruolo delle persone disabili nella vita quotidiana e di come questo sia influenzato da una cultura dominante fondata sul bisogno di reprimere o nascondere la malattia.

Il ruolo delle scienze mediche è stato centrale nella produzione della categoria della disabilità come fenomeno, prima da isolare in quanto categoria improduttiva, poi da curare in seguito al processo di deistituzionalizzazione dei malati. La musicoterapia nasce proprio in questo contesto insieme ad altre professioni para-mediche e sanitarie.

Come ha spiegato il filosofo francese Georges Canguilhem, l’introduzione nella medicina occidentale del concetto di errore  – di deviazione dalla norma –  è un fenomeno riconducubile all’epoca positivista:  il pathos condiziona il  logos dando luogo così alla concezione moderna di patologia.

I Disability Studies attribuiscono all’idea di norma l’interiorizzazione da parte della società di un linguaggio e di una cultura di oppressione nei confronti delle persone disabili. Attribuire un valore quantitativo all’esperienza dell’individualità umana è lo stesso meccanismo che ha permesso l’affermazione e la crescita della maggior parte dei regimi totalitari e la società democratica non è esente da questo stesso meccanismo.

Che cosa dovrebbe fare, dunque, la musicoterapia?

Il musicoterapeuta deve distaccarsi dall’impostazione clinica tradizionale che tende a produrre scarsi risultati non misurabili. Ognuno, disabile o no, dovrebbe avere accesso alla musica e la musicoterapia vuole mirare idealmente a provvedere questo accesso. Per questo il musicoterapeuta dovrebbe imporre a se stesso di distaccarsi dal modello medico in cui si propone la musica come una sorta di normalizzazione, rimedio o cura.

Come abbiamo visto, in molte condizioni tra cui le ASCs (Autism Spectrum Conditions) questo non è realmente auspicabile, la musicoterapia dovrebbe mirare alla valorizzazione degli interessi musicali, comunicativi e relazionali dei propri utenti secondo un approccio sociale e culturale.
Se ci si vuole imporre come operatori di prestazioni sanitarie, si rischia la possibilità di produrre scarsi risultati non misurabili; se gli obiettivi, invece, sono migliorare l’espressione del sé, la propria conoscenza, la cultura, il benessere e la ricerca del piacere di fare musica insieme, la musicoterapia può offrire il più grande valore possibile.

L’approccio Olistico della Musicoterapia

L’approccio olistico vive spesso al confine tra le discipline new-age, dalla scientificità discutibile, e le interpretazioni psicosomatiche e sociali della terapia. Queste ultime sono caratterizzate da una naturale tendenza al contesto interdisciplinare.
L’approccio olistico della musicoterapia è stato applicato dal dott. Tomaš Procházka, docente e formatore in musicoterapia presso l’Università Carolina di Praga, in diverse strutture educative e riabilitative della Repubblica Ceca, tra cui la Scuola Elementare Zahrádka.
Si tratta di una scuola e un Centro di Integrazione per bambini e ragazzi con disabilità dai 6 ai 18 anni.

L’atelier di musicoterapia è un ambiente morbido per consentire una libertà di movimento e prevenire al minimo il rischio per utenti e operatori;  allo stesso tempo è uno spazio in cui le distrazioni sono ridotte al minimo. Il setting è preparato e composto da luci, texture, oli essenziali, oltre a un pavimento rialzato da terra, in legno che consente la propagazione delle vibrazioni. Gli usi variano per consentire di rispondere alle esigenze fisiche e/o psichiche degli utenti e agevolarne i processi emotivi, formativi e di crescita personale.

Leggi tutto “L’approccio Olistico della Musicoterapia”

WCMT 2020 online from South Africa!

Il Congresso Mondiale di Musicoterapia è un evento organizzato dalla World Federation of Music Therapy ogni tre anni. Per quest’anno, a causa della pandemia Covid-19 il congresso si è trasferito online dall’Università di Pretoria (ZA) il 7 e 8 Luglio 2020.

Il tema, le Poliritmie della Musicoterapia, è una splendida occasione per i professionisti della salute, i musicisti, gli studenti, ricercatori ed educatori di contribuire a favorire i processi di decolonizzazione, promuovere il dibattito sul valore della diversità e delle differenze, riconoscere e rafforzare le risorse di resilienza, sviluppare la musicoterapia in quanto disciplina legata ai fattori contestuali e sociali. Si tratta della prima volta che un congresso mondiale di musicoterapia ha luogo in Africa. Qui il link per partecipare.

Le precedenti edizioni si sono svolte in Giappone, Europa, Korea del Sud, Argentina, Australia, Regno Unito, USA, con cadenza triennale dopo la fondazione avvenuta a Genova nel 1985. Il prossimo appuntamento sarà a Melbourne (AU) nel 2023.

Studio sui professionisti della musicoterapia durante la pandemia di Covid-19

Studio sui professionisti della musicoterapia durante la pandemia di Covid-19  a cura del Gruppo Europeo di Ricerca e Cooperazione in Musicoterapia diretto dal Dott. Manuel Sequera (Spagna), coordinato per l’Italia dal Dott. Matteo Maienza (pedagogista clinico e musicoterapeuta) e da Gianni Vizzano (musicoterapeuta e terapista DIRFloortime® DIR202). Di seguito il link con il questionario da compilare.

Compila solo se sei un professionista della musicoterapia che lavora in Italia. Studio sui professionisti della musicoterapia durante la pandemia di Covid-19: questo studio mira a mettere in luce la situazione professionale dei/delle musicoterapeuti/e, il loro impatto emotivo, socio-economico e lavorativo causato dalla pandemia di Covid-19.
Le risposte saranno accettate fino al 9 maggio 2020. Leggere l’informativa sulla privacy alla fine del modulo. Il completamento del sondaggio presuppone la partecipazione allo studio. Grazie per la collaborazione.  https://forms.gle/6Jwe7n1AFXTgbJw7A

Musicoterapista o Musicoterapeuta?

La musicoterapia in ambito sociosanitario

L’approccio comune, di tipo medico-terapeutico, in cui la musica dovrebbe essere utilizzata per “normalizzare” il comportamento della persona deficitaria e rimediare alle sue mancanze o difetti, non è considerato particolarmente efficace. Ad esempio, con i bambini autistici che generalmente rifiutano la maggior parte dei trattamenti terapeutici verrebbe da pensare, in alcuni casi, che si tratta “cure impossibili.Secondo alcuni si tratta piuttosto di un tipo di approccio ad essere considerato “indesiderato”, proprio come lo sarebbe una cura per l’omosessualità o l’essere neri, o per qualsiasi altra tipologia biosociale.  Questi approcci, spesso di tipo comportamentista, non dovrebbero mirare alla cura o alla riabilitazione del paziente secondo una prospettiva medica, al contrario, non devono mai distaccarsi dalla finalità mutuale del fare musica insieme: la ricerca del piacere personale dovuta alla condivisione relazionale e alla libera espressione di sé.

In questo senso, musicoterapeuta e paziente hanno molto da offrirsi a vicenda, come la mutua partecipazione nel fare musica e il piacere di condividere questa esperienza.

Le persone autistiche, spesso, hanno interessi musicali e attitudini distintive; invece di normalizzarli al di fuori della loro cornice culturale, con un’imposizione quasi colonialista del potere, potremmo cercare di coltivare la loro cultura indigena in un’atmosfera di rispetto reciproco. Ognuno, disabile o no, dovrebbe avere accesso alla musica — e la musicoterapia mira idealmente a provvedere questo accesso — ma per fare questo il musicoterapista deve imporre a se stesso di distaccarsi dal modello medico, che come abbiamo appena visto, sottovaluta gli aspetti del piacere generato dalla condivisione musicale. Se ci si vuole imporre come operatori di prestazioni sanitarie, si rischia la possibilità di produrre scarsi risultati non misurabili. Nel caso dell’autismo questa possibilità è garantita in anticipo; ma se gli obiettivi sono migliorare l’espressione del sé, la propria conoscenza e il benessere del fare musica insieme, la musicoterapia può offrire il più grande valore possibile.

A questo proposito, il dibattito linguistico tutto italiano sui termini “musicoterapista”e “musicoterapeuta” risulta non privo di un fondamento epistemologico: con il termine “terapista” infatti si vuole delineare una figura che, non distaccandosi dall’ ambito sanitario (o socio-sanitario), utilizzi il mezzo sonoro/musicale quale veicolo di cura e di terapia per persone in una condizione di svantaggio clinico o sociale.

©2019

Leggi tutto “Musicoterapista o Musicoterapeuta?”

Tecniche di Musicoterapia Recettiva

Un metodo di musicoterapia recettiva molto diffuso nel mondo è la Terapia vibroacustica basata su suoni a basse frequenze, le prime esperienze di questo tipo vennero messe in atto nel 1980 dal norvegese Olav Skille (1991) che, utilizzando una comune coppia di altoparlanti e un telo per sdraiarsi, ideò un metodo inizialmente descritto come “tecnica per trasferire le vibrazioni a basse frequenze al corpo umano per via aerea”.

Successivamente ribattezzato massaggio sonoro a basse frequenze (prove- nienti da musica, onda sinusoidale e dalla loro combinazione), l’obiettivo di Olav Skille era trovare un modo in cui le vibrazioni potessero rilassare bambi- ni con gravi disabilità anche passando per una riduzione del tono muscolare. Nel dettaglio la terapia vibroacustica utilizzata a livello clinico si serve di un suono a bassa frequenza tra 20Hz-70Hz. (Bergström- Isacsson, et al., 2007; Hooper, 2002; Skille, 1991; Wigram, 1996; Wigram & Dileo, 1997).

(estratto da Musica e Sindrome di Rett, di Matteo Maienza, Musica&Terapia nr.35 Gennaio 2017) Visualizza

Musicoterapia e Demenza Senile

L’ intervento di musicoterapia cerca di raggiungere l’individuo considerando l’eterogeneità del contesto e mirando sempre a sviluppare le potenzialità residue in una cornice piacevole e rilassante. L’utilizzo degli strumenti musicali, ad esempio, permette di lavorare sul movimento, sulla coordinazione e sulla bilateralità, oltre ad essere un importante stimolo sensoriale permette la costruzione di un ritmo condiviso, un fattore di motivazione personale e di gruppo.  Gli strumenti utilizzati sono percussioni come tamburi, triangoli, cembali, guiros, reco-reco, agogo, classe, marimba, etc.
Leggi tutto “Musicoterapia e Demenza Senile”

WORKSHOP DI INTEGRAZIONE CON LA MUSICA

MAGICAL MOMENTS OF RHYTHM

Nati dall’esigenza di migliorare la qualità della vita e dell’integrazione sociale tra il 2014 e il 2015  i workshop, aperti al pubblico e organizzati grazie alla collaborazione di Arci Solidarietà, nascono all’interno dei laboratori linguistici per stranieri, rifugiati e richiedenti asilo in Italia. Attraverso la musica ci poniamo l’obiettivo di facilitare l’apprendimento e intrecciare relazioni tra i partecipanti grazie alla possibilità di utilizzare il suono in qualità di mediatore analogico della comunicazione.

La musicoterapia è un tentativo di aumentare le possibilità di comunicazione dell’individuo attraverso il suono e il ritmo al fine di superare il disagio provocato dall’isolamento e dalla solitudine che sono una minaccia alla salute e alla qualità della vita umana. Leggi tutto “WORKSHOP DI INTEGRAZIONE CON LA MUSICA”